Chi è Anna?

Benvenuti nel mio blog! Sono Anna Fantini, ho 21 anni e vivo a Torino.

img_3506
Raccogliendo verdura in campagna nell’orto di mia nonna, 2003

Cosa amo? La mia famiglia, la corsa, lo snowboard, il mare e la montagna, viaggiare (on the road), la fotografia, la letteratura, gli sport adrenalinici… Insomma ho tante passioni, ma quella più grande è per la cucina. Dopo una lunga giornata stancante e stressante il mio unico desiderio è quello di mettermi ai fornelli e preparare un dolce: è questa l’unica cosa che allo stesso tempo mi rilassa, rendendomi felice e soddisfatta. Cosa amo della cucina è il fatto che non è necessario mettersi alla ricerca di grandi segreti, perchè in realtà gli ingredienti principali sono solo due: amore e semplicità.

La mia cucina? Home-made, semplice, sana, e ricca di frutta e verdura di stagione (per la maggior parte raccolta nell’orto di casa mia). Il mio amore in cucina è innanzitutto per i dolci: torte, biscotti, brioches o crostate che siano… ma adoro preparare anche pasta fresca: i tipici plin piemontesi, dei ravioli con ripieni golosi, semplici tagliatelle o sfoglie per le lasagne, oppure le mitiche orecchiette, che sono le mie preferite! Mi piace tantissimo preparare pane e grissini di ogni tipo: il mio lievito madre è ormai con me da quattro anni, ed è sempre più in ottima forma! Nella mia cucina troverete anche numerose ricette di secondi, sia carne che pesce, accompagnati da tantissime verdure di ogni tipo  cucinate in mille modi!

I miei cibi preferiti? Al primo posto dei dolci colloco il “pane e marmellata”, rigorosamente con pane fresco di panetteria e marmellata fatta in casa con la frutta dei nostri alberi. Come piatto salato invece vincono gli gnocchi al ragù, fatti a mano e conditi con tanto tanto ragù sugoso. Amo anche i pomodori cuore di bue, dolci e succulenti, tipici di inizio agosto… E poi il gelato (marron glacé o torroncino) e la meringata (qualsiasi gusto), una fresca pasta al pomodoro e basilico, una spaghettata con vongole e bottarga, un semplice pezzo di pane con pecorino e un po’ di marmellata di fichi neri di Agosto appena raccolti…

Un consiglio? Per poter preparare tutti i miei dolci preferiti (di cui pochi li troverete nel blog) comprate il mio libro Un dolce ricettario in cui ho raccolto le mie migliori ricette di dolci durante tutti questi anni. Sono ricette ritrovate tra i libri delle mie nonne e di mia mamma, o assaggiate in varie pasticcerie in giro per il mondo, o anche inventate e modificate tentativo dopo tentativo fino ad ottenere un connubio perfetto tra la ricetta tradizionale e i miei gusti personali. Questo libro, così come il mio blog sono davvero importanti per me perchè sono legata a ognuno di questi dolci, dietro i quali si nascondono storie e ricordi che non possono non suscitarmi gioia ogni momento in cui mi trovo a cucinarli.

47 pensieri su “Chi è Anna?

  1. Grande Anna non è facile trovare ragazze così giovani con la tua passione ed amore per la cucina quindi vai avanti così complimenti .

  2. Anna… foto bellissime! E ricette per il quotidiano… che scaldano la famiglia. Bravissima Anna Bananna!

  3. Bravissima Anna! Giovanissima. poliedrica nei tuoi interessi, amante di sport, di cucina e forse di tante altre cose come musica seria, come jazz e sinfonica, e magari anche di arrampicate in alta montagna. Ti invidio per la tua giovinezza e per i molti interessi! Conosco ed amo Torino perchè ho studiato a Torino quando alcune facoltà erano a Palazzo Campana (nel giurassico!) ed io abitavo a Novara ed avevo più o meno la tua età. Oggi ne ho oltre 4 volte di più e sono felice di poterti augurare tutto ciò che desideri di interessante e di bello che la vita possa offrirti. Ciao e molti auguri per i vicinissimi esami di maturità .
    Felicità!!!

  4. Ciao Anna, molto molto carina la tua presentazione! Conoscerti è un vero piacere, dai che bello siamo quasi coetanee!!
    Bellissime ricette e già adoro la tua pasta madre 🙂
    A presto!

  5. ciao Anna, sono entrata oggi per la prima volta in quest’angolino bellissimo. La tua pagina invita a mettersi ai fornelli e le ricette credo siano buonissime. Complimenti!

  6. Non so come tu sia capitata nel mio blog (e mi piacerebbe saperlo) ma il tuo è notevole e tu sispiri simpatia. Vista l’allegria e l’impegno che traspare dalle foto della biografia vorrei che la mia nipotina che inizierà il liceo l’anno prossimo “da grande” fosse come te. Mi permetto di consigliarti di vedere anche l’articolo “cicoria 1” e “mangialonga”. Da oggi ti seguo con la speranza che tu faccia lo stesso.

  7. Ciao Anna, ho letto dei commenti di tuoi più o meno coetanei e desidero offrirti il mio che avevo la tua età oltre 40 anni or sono. Il cibo, come il bere, è un’esigenza primordiale… la sua trasformazione è la creatività di un animo sensibile e intraprendente. La proiezione è nella fantasia con cui voi giovani saprete distruggere e ricostruire… e, “Perchè no?”(è anche il titolo di un mio romanzo)… partendo dai grissini !!!
    Mimmo Paolicelli

  8. Ciao Ban Anna,
    sono contento che ti sia piaciuto l’articolo : QUANDO HO DETTO SI ALLA CATALANA… come vedi le mie ricette sono l’occasione per giocare e creare una storia “in cucina”
    Un abbraccio

      1. Cara Anna,
        ci siamo conosciute poco tempo fa ad una cena a casa di papà e mi hai regalato il tuo libro di dolci.
        Come potrai intuire non ho tardato ad eseguire due delle torte, quella di grano saraceno e quella di nocciole e ricotta, ed entrambe sono ottime.
        Le ho preparate per la colazione della nipotina, e non solo, e sono state gradite da tutta la famiglia, quindi i nostri complimenti .

        GRAZIE ancora ed in bocca al lupo!!!
        Emanuela Moscatelli

      2. Cara Emanuela,
        Grazie infinite!! Sono davvero contenta che siano piaciute a tutti, è sempre un enorme piacere ricevere commenti positivi sulle mie ricette. Grazie ancora, un bacio, a presto!

  9. Complimenti per la passione e davvero invitanti le foto! Ben fatto il blog.
    Sono arrivato qui seguendo un tuo “mi piace” a un mio post di improbabile cucina scritto in delirio gastro-linguistico tanto per sorridere. Nel caso tu avessi la ricetta vera delle “copete” mi piacerebbe aggiornare il post con un link al tuo al post con un’indicazione del tipo “come si fanno per davvero le ostie ripiene di nocciole caramellate”, se non ricordo male in Piemonte ci mettete il miele (ma a me il miele non piace, quindi ho eliminato arbitrariamente l’ingrediente dalla mia ricetta-per-sorridere)
    Ciao

  10. Tesoro, ma sei vera? Così giovane e già cosi brava, caspita quante cose sai fare! E pensa che potresti (quasi) essere mia nipote…Ti auguro che la tua vita prosegua sempre con questa voglia di fare e con tutta la felicità di questo mondo

  11. ciao Anna , ho data una sbirciatina al tuo blog , è davvero carino , mi piace molto credo la pensiamo alla stessa maniera, la cucina è arte, passione, è come una tela per un pittore pochi colori e quadri meravigliosi.
    una buona serata a presto
    Angela

  12. Cara Anna
    Ti chiedo scusa per il grave ritardo ma in compenso ho letto un po’ di te e del tuo blog e ti faccio molti complimenti.

    Passerò a leggere e a prendere qualche appunto presto.
    ciao da Roma shera

    Shera

  13. ciao Anna, sei bravissima sia nella preparazione che nella presentazione delle ricette, la cucina è complicata per chi non ha amore, se si ha amore per quello che si fa, qualunque cosa sia, riesce sempre bene. io conosco alcuni che si definiscono cuochi per mestiere e per il lavoro che svolgono, ma non crescono di un passo perché lo prendono per lavoro e quindi per loro costa fatica, mentre se ci metti passione a fine giornata, anche se è stata molto faticosa, ti senti dentro una soddisfazione tale che la stanchezza non pesa per niente. Ho notato, inoltre, che qualcosa di napoletanità in te c’è, visto che ami la pizza con la bufala, spero che tu l’abbia già mangiata a Napoli. E non parliamo poi della pastiera. La caprese, la torta quella classica senza farina la conosci? Ciao e di nuovo tanti, tanti complimenti e continua così, la strada è quella giusta per fare grandi cose.

Rispondi