Chi è Anna?

Benvenuti nel mio blog! Sono Anna Fantini, ho 23 anni e vivo a Chieri, in provincia di Torino, nella mia adorata campagna! Il mio blog nasce nel 2017, ma sono una grandissima appassionata di cucina fin da piccola!

Nonostante non abbia mai seguito alcun corso professionale (ho frequentato la scuola internazionale, poi il liceo classico dai salesiani e infine una laurea in Business & Management all’ESCP), mi sono sempre dedicata molto a questa mia passione, mettendomi ai fornelli e spadellando in ogni momento libero della giornata. Ho lavorato qualche mese in un ristorante a Torino, poi uno stage nel Marketing da Grom, e infine 7 mesi da Al.ta Cucina per scoprire più a fondo il rapporto tra social network e food. Ho così deciso di intraprendere questa strada, perché, come mi hanno sempre detto i miei genitori “se nella vita riesci a fare quello che ti piace, non sarà come lavorare”.

La mia cucina è semplice e genuina, seguo la tradizione e “le ricette della nonna” aggiungendo un pizzico di creatività e fantasia, prendendo spunto dai miei viaggi in giro per il mondo (come potete vedere qui)! I miei piatti sono ricchi di frutta e verdura di stagione perché, avendo la fortuna di vivere in campagna, a Chieri, abbiamo l’orto, il frutteto, e la vigna, da cui provengono la gran parte degli ingredienti che utilizzo. Per me, infatti, l’attenzione alla materia prima è essenziale. Non solo per quanto riguarda gli ortaggi ma anche carne, pesce, formaggi, farine… ormai ho i miei produttori di fiducia!

La mia passione è nata per i dolci per poi espandersi su ogni campo della cucina. Adoro preparare la pasta fresca, ma anche iprimi piatti di pasta con un buon sugo corposo, i risotti, i secondi di carne e pesce, tanti contorni di verdure, i lievitati, e più che altro i finger food da aperitivo (il mio cavallo di battaglia con i dolci!)… insomma, mi piace un po’ tutto! 

Cerco sempre di sperimentare ricette nuove. Avendo vissuto un anno a Londra, uno a Madrid e uno a Berlino sono entrata in contatto con cucine molto diverse una dall’altra, che cerco spesso di riproporre nei miei menù.

Nella mia cucina c’è anche una certa attenzione allo spreco: infatti cambiando giorno per giorno il menù, riesco ad organizzarmi con la spesa in modo da non buttare via nulla. Anche il packaging del delivery è curato da questo punto di vista: cerco di utilizzare il più possibile materiale riciclato e biodegradabile, riducendo il consumo di plastica.

Parliamo della mia attività di delivery: tutto è partito un po’ per gioco nel Novembre 2020, e da subito è stato un successo inaspettato! Così ho deciso di aprire un’azienda agricola a casa nostra, e da qui l’apertura di una gastronomia in centro Chieri. Da semplice gastronomia ormai si è trasformato in un luogo di ritrovo per amici, parenti e tutti gli amanti del buon cibo casalingo. La sera propongo un menu a base di sfizi, tapas e qualche piatto principale, il tutto accompagnato da buon vino e drink. Intanto il delivery e i catering non si fermano! Sarebbe un sogno riuscire ad aprire, tra qualche anno, ad aprire anche un agriturismo a casa mia, con un grande orto, la serra, il frutteto e la vigna, dando la possibilità di sedersi e mangiare ciò che vi circonda. Ma ho anche tante altre idee come i corsi di cucina nel Bananna centro Chieri e la social farm in campagna.

img_3506
Raccogliendo verdura in campagna nell’orto di mia nonna, 2003

Cosa amo? La mia famiglia, che è sempre al primo posto, e poi casa nostra, a Chieri, in campagna, con tutti i sapori, i ritmi e le abitudini dell’Italia. Ho viaggiato tanto negli ultimi anni, stando lontano da casa, ma il mio posto del cuore sarà sempre qui. Adoro viaggiare, scoprire nuove culture e conoscere persone. Ho frequentato l’università all’estero: un’anno a Londra, uno a Madrid e uno a Berlino. Inutile dire che è stata un’esperienza iindimenticabile, che mi ha fatto imparare tantissimo, dandomi una visione più ampia delle varie culture e società. Mi piace fare sport, più che altro la corsa, perchè mi piace stare all’aria paerta, ma adoro anche lo sci o lo snowboard. Adoro il mare in estate e la montagna in inverno. Insomma ho tante passioni, ma quella più grande è per la cucina. Cucinare mi rilassa e mi rende felice. I momenti trascorsi in cucina assieme alla mia famiglia sono quelli che mi porterò per sempre nel cuore e di cui parlerò ai miei niposti. Cosa amo della cucina è il fatto che andare alla ricerca di grandi tecniche e segreti è importante, certo, ma non per tutti. Ad esempio, per me, gli ingredienti principali sono solo due: amore e semplicità.

La mia cucina? Home-made, semplice, sana, ricca di frutta e verdura di stagione, e in generale di ingredienti buoni e genuini. Vivo in campagna, dove abbiamo l’orto e il frutteto, da cui provengono la gran parte degli ingredienti che uso nei miei piatti. Per me, infatti, l’attenzione alla materia prima è essenziale. Non solo per quanto riguarda gli ortaggi ma anche carne, pesce, formaggi, farine… Ormai ho i miei produttori di fiducia! La cosa più divertente da preparare sono i dolci: torte, biscotti, brioches o crostate che siano… ma anche la pasta fresca: i tipici plin piemontesi, dei ravioli con ripieni golosi, semplici tagliatelle o sfoglie per le lasagne, le orecchiette… Nella mia cucina troverete anche numerose ricette di secondi, sia carne che pesce, sempre accompagnati da verdure di ogni tipo cucinate in tanti modi diversi!

I miei cibi preferiti? Come dolce senza dubbio “pane e marmellata”, rigorosamente con pane fresco con una crosticina ben croccante e marmellata fatta in casa con la frutta dei nostri alberi (impazzisco per quella di fichi e ciliegie, con i pezzettoni interi). Come piatto salato vincono gli gnocchi al ragù, fatti a mano e conditi con tanto tanto ragù sugoso, cotto a lungo su fuoco basso. In estate mi sogno un bel piatto di pomodori cuore di bue, dolci e succulenti, raccolto dall’orto, ancora caldi dal sole, conditi con olio, sale, basilico, cipolla di Tropea e filetti di tonno. E poi cos’altro? Beh, il gelato (i miei gusti preferiti sono marron glacé o torroncino), le meringhe con la panna (o la mitica pavlova che faccio io!), la crostata di marmellata con la ricetta di mia mamma, una pasta semplice con i pomodori e il basilico dell’orto, una spaghettata con vongole e prezzemolo, una bella degustazione di formaggi del pastore accompagnata dal nostro miele… e non aggiungo altro se no non finisco più!

Tutte le mie ricette sono davvero importanti per me perchè sono legata ad ognuna, dietro alle quali si nascondono storie e ricordi che non possono non suscitarmi gioia ogni momento in cui mi trovo a cucinarle.

47 pensieri su “Chi è Anna?

  1. Grande Anna non è facile trovare ragazze così giovani con la tua passione ed amore per la cucina quindi vai avanti così complimenti .

  2. Bravissima Anna! Giovanissima. poliedrica nei tuoi interessi, amante di sport, di cucina e forse di tante altre cose come musica seria, come jazz e sinfonica, e magari anche di arrampicate in alta montagna. Ti invidio per la tua giovinezza e per i molti interessi! Conosco ed amo Torino perchè ho studiato a Torino quando alcune facoltà erano a Palazzo Campana (nel giurassico!) ed io abitavo a Novara ed avevo più o meno la tua età. Oggi ne ho oltre 4 volte di più e sono felice di poterti augurare tutto ciò che desideri di interessante e di bello che la vita possa offrirti. Ciao e molti auguri per i vicinissimi esami di maturità .
    Felicità!!!

  3. Ciao Anna, molto molto carina la tua presentazione! Conoscerti è un vero piacere, dai che bello siamo quasi coetanee!!
    Bellissime ricette e già adoro la tua pasta madre 🙂
    A presto!

  4. Non so come tu sia capitata nel mio blog (e mi piacerebbe saperlo) ma il tuo è notevole e tu sispiri simpatia. Vista l’allegria e l’impegno che traspare dalle foto della biografia vorrei che la mia nipotina che inizierà il liceo l’anno prossimo “da grande” fosse come te. Mi permetto di consigliarti di vedere anche l’articolo “cicoria 1” e “mangialonga”. Da oggi ti seguo con la speranza che tu faccia lo stesso.

  5. Ciao Anna, ho letto dei commenti di tuoi più o meno coetanei e desidero offrirti il mio che avevo la tua età oltre 40 anni or sono. Il cibo, come il bere, è un’esigenza primordiale… la sua trasformazione è la creatività di un animo sensibile e intraprendente. La proiezione è nella fantasia con cui voi giovani saprete distruggere e ricostruire… e, “Perchè no?”(è anche il titolo di un mio romanzo)… partendo dai grissini !!!
    Mimmo Paolicelli

      1. Cara Anna,
        ci siamo conosciute poco tempo fa ad una cena a casa di papà e mi hai regalato il tuo libro di dolci.
        Come potrai intuire non ho tardato ad eseguire due delle torte, quella di grano saraceno e quella di nocciole e ricotta, ed entrambe sono ottime.
        Le ho preparate per la colazione della nipotina, e non solo, e sono state gradite da tutta la famiglia, quindi i nostri complimenti .

        GRAZIE ancora ed in bocca al lupo!!!
        Emanuela Moscatelli

      2. Cara Emanuela,
        Grazie infinite!! Sono davvero contenta che siano piaciute a tutti, è sempre un enorme piacere ricevere commenti positivi sulle mie ricette. Grazie ancora, un bacio, a presto!

  6. Complimenti per la passione e davvero invitanti le foto! Ben fatto il blog.
    Sono arrivato qui seguendo un tuo “mi piace” a un mio post di improbabile cucina scritto in delirio gastro-linguistico tanto per sorridere. Nel caso tu avessi la ricetta vera delle “copete” mi piacerebbe aggiornare il post con un link al tuo al post con un’indicazione del tipo “come si fanno per davvero le ostie ripiene di nocciole caramellate”, se non ricordo male in Piemonte ci mettete il miele (ma a me il miele non piace, quindi ho eliminato arbitrariamente l’ingrediente dalla mia ricetta-per-sorridere)
    Ciao

  7. Tesoro, ma sei vera? Così giovane e già cosi brava, caspita quante cose sai fare! E pensa che potresti (quasi) essere mia nipote…Ti auguro che la tua vita prosegua sempre con questa voglia di fare e con tutta la felicità di questo mondo

  8. ciao Anna , ho data una sbirciatina al tuo blog , è davvero carino , mi piace molto credo la pensiamo alla stessa maniera, la cucina è arte, passione, è come una tela per un pittore pochi colori e quadri meravigliosi.
    una buona serata a presto
    Angela

  9. Cara Anna
    Ti chiedo scusa per il grave ritardo ma in compenso ho letto un po’ di te e del tuo blog e ti faccio molti complimenti.

    Passerò a leggere e a prendere qualche appunto presto.
    ciao da Roma shera

    Shera

  10. ciao Anna, sei bravissima sia nella preparazione che nella presentazione delle ricette, la cucina è complicata per chi non ha amore, se si ha amore per quello che si fa, qualunque cosa sia, riesce sempre bene. io conosco alcuni che si definiscono cuochi per mestiere e per il lavoro che svolgono, ma non crescono di un passo perché lo prendono per lavoro e quindi per loro costa fatica, mentre se ci metti passione a fine giornata, anche se è stata molto faticosa, ti senti dentro una soddisfazione tale che la stanchezza non pesa per niente. Ho notato, inoltre, che qualcosa di napoletanità in te c’è, visto che ami la pizza con la bufala, spero che tu l’abbia già mangiata a Napoli. E non parliamo poi della pastiera. La caprese, la torta quella classica senza farina la conosci? Ciao e di nuovo tanti, tanti complimenti e continua così, la strada è quella giusta per fare grandi cose.