Gnocchi ai calamari e carciofi

Una ricetta nata per caso. Ho gli gnocchi. Non ho il ragù. Ho i calamari freschi freschi. E i carciofi del contadino. Bomba! Gnocchi ai calamari (cotti al vapore per non renderli duri) e carciofi (dorati in padella con il burro, come mi ha insegnato Ceccarelli). E poi avevo appena comprato la ricotta salata, e allora perché non usarla per mantecare? Tutto legava benissimo!

Ingredienti

  • Gnocchi freschi per 4 persone (150-200g a testa)
  • 2 carciofi con i gambi
  • 3 calamari freschi puliti
  • ricotta salata (o parmigiano) da grattugiare
  • burro q.b.
  • Olio, pepe , limone

Pulite i carciofi, tenendo anche il cuore del gambo, e tagliateli a fettine molto sottili. In una padella scaldate due noci di burro e unitevi i carciofi. Saltateli a fiamma alta finché saranno morbidi ma dorati all’esterno. Salate a fine cottura.

Intanto tagliate i calamari ad anellini (compresi i tentacoli) e fateli cuocere al vapore per 5-6 minuti finché saranno morbidi. Trasferiteli in una ciotola e condite con olio, pepe e limone. Mescolateli bene.

Fate bollire gli gnocchi in acqua salata e appena salgono a galla scolateli, e uniteli nella padella con i carciofi con due mestoli di acqua di cottura. Aggiungete anche i calamari e mescolate bene. Mentre mescolate unite man mano la ricotta salata grattugiata e mantecate bene fino a quando si sarà creato un bel sughetto. Serviteli!

Rispondi